Consulenza Investigativa

Mobbing  sul posto di lavoro

Quando si subiscono comportamenti violenti fisici e verbali sul posto di lavoro, la persona è vittima di mobbing, quando è il vostro datore di lavoro il responsabile di azioni volte a umiliarvi, denigrarvi e penalizzarvi abbiamo a che fare con un caso di Bossing, il cui fine, spesso, è quello di portarvi alle dimissioni a favore di candidati "più graditi" all'azienda. Non sempre però abbiamo a che fare con mobbing da parte dei titolari d'azienda, spesso colleghi arrivisti cercano di screditarvi nei confronti dei vostri superiori per cercare da parte vostra una reazione violenta e quando questi mezzi oltrepassano il buon senso avete tutto il diritto di far valere vostri diritti;
Il Consulente Investigativo vi aiuta a scoprire se tali azioni mirano realmente a un "licenziamento forzato" ed a mettere in atto tutte quelle strategie di difesa, documentazione e risarcimento del danno. 

Consulente Investigativo

Il Consulente Investigativo si potrebbe definire un esperto di tecniche di indagine e di ragionamento logico-inferenziale. Non appartiene alle forze dell'ordine, ma può assistere validamente queste ultime ed i magistrati nello svolgimento della propria attività; può essere un investigatore privato e può fornire utili consulenze agli avvocati e, più in generale, a chiunque intenda effettuare una qualche attività di acquisizione e valutazione d'informazioni. Le competenze teoriche e pratiche sono necessarie al consulente investigativo per proporre un'analisi del suo metodo d'indagine, ricercandone ascendenze e premesse concettuali. Prende, infine, in considerazione i concreti ambiti operativi in cui, nel nostro ordinamento, tale figura è suscettibile di fornire il proprio contributo professionale e gli inquadramenti giuridici entro cui potrà legittimamente operare (in qualità di perito, di consulente tecnico, di ausiliario della polizia giudiziaria, ecc.) L'Investigatore Privato, tramite le indagini difensive penali o preventive, può intervenire quando le investigazioni della polizia non portano ad alcuna soluzione o si ha la reale necessità di difendersi da un'accusa penale, ingiusta ed infamante.

La distanza non è un problema, chiedi info per una consulenza in video e/o telefonica

Giuseppe Asaro, laureato, 35 anni di servizio nella Polizia di Stato con la qualifica di Ufficiale di Polizia Giudiziaria, Mediatore Civile Professionista, specializzato in "Aspetti Psico-Antropologici e Giuridici della Violenza nelle Relazioni Familiari", in "Aspetti Antropo-Criminologici, Medico Legali, Normativi nella Violenza Sessuale con particolare riferimento ai Minori" e in "Rilevazione dei Segni di Menzogna". Iscritto all'Associazione Nazionale dei Criminologi e Criminalisti, al nr. 00201/2021/PRO. Esercita la sua attività di Criminologo Investigativo, Criminalista (esperto della Scena del Crimine) ed Investigatore Privato in tutto il territorio Italiano ma anche all'estero.